Orario di apertura sede: Lun Mar e Ven 9:00-14:00 Mer e Gio 9:00-14:00 e 15:30-18:30
Notizie dall'Ordine

13/01/2022 - OBBLIGO VACCINALE - Decreto Legge 172/2021

IMPORTANTE 

A TUTTI GLI ISCRITTI

 

Egregi Colleghi,

come in precedenti note comunicato,  il Decreto Legge 172/2021 ha posto in capo agli Ordini il compito di controllare la posizione di ciascun iscritto in relazione all'assolvimento dell'obbligo vaccinale divenuto cogente per tutti gli iscritti agli Albi delle professioni sanitarie.

Questo Ordine ha già dato corso alle procedure di verifica tramite la  piattaforma informatica nazionale denominata DGC (Digital Green Certificate ) e ha già emesso i primi provvedimenti di sospensione ed altri sono in itinere di notifica.

Già nel corso delle prime lettere di invito ad adempiere sono emerse alcune criticità in ordine al fatto che alcuni iscritti trascurano la periodica consultazione della propria casella di posta certificata e così facendo corrono il rischio di vedersi sospendere dall'Albo e quindi dall'attività professionale.

A tal proposito è opportuno chiarire alcuni punti fondamentali:

l'Ordine non può esercitare alcuna forma di discrezionalità, né di valutazione sulle ragioni per le quali un Collega non è in linea con detto obbligo vaccinale; la norma prevede che possano essere esentati dall'obbligo solo quanti hanno ricevuto e possono esibire specifica certificazione dal proprio MMG, non sono ammesse certificazioni di altri medici e non sono ammesse valutazioni di sorta sulla certificazione eventualmente redatta dal MMG.

L'Ordine non può evitare di adottare la sospensione in caso di accertamento di non assolvimento all'obbligo vaccinale in assenza della certificazione del MMG.

Tale sospensione non ha carattere di sanzione disciplinare, bensì è adottata ope legis.

L'iscritto, che dovesse essere sospeso, perde la possibilità di esercitare la professione  e, se dovesse ricoprire cariche funzionalmente rilevanti (direttore di Farmacia, Titolare azienda individuale), potrebbe generare ulteriori turbative nell'assistenza farmaceutica alla popolazione; nello specifico si tenga presente che:

  1. se il Farmacista sospeso è titolare individuale,  la Farmacia  dovrà essere chiusa per tutta la durata della sospensione, in quanto la notifica di sospensione impedisce il continuare l'attività professionale compresa la facoltà di nominare altro direttore ai sensi della legge 362/91 art.11 (ferie, malattia, etc)
  2. se il Farmacista sospeso è socio con funzione di direttore o, comunque, direttore di una Farmacia di cui è titolare una società, la Farmacia sarà chiusa fino alla ratifica da parte della Regione della nomina di un altro direttore (che in questo caso sarebbe richiesta, non dal Farmacista sospeso, ma dalla società)
  3. se il Farmacista sospeso è dirigente di struttura pubblica (ASL, Azienda Ospedaliera) o collaboratore di Farmacia o titolare o collaboratore di Parafarmacia dovrà interrompere la propria attività lavorativa per tutta la durata della sospensione.

Non sembri superfluo specificare anche che l'unico strumento  dato all'Ordine, per compiere la verifica cui è tenuto, è l'estrazione dalla piattaforma informatica nazionale DGC, quindi eventuali disallineamenti informatici rispetto alla reale posizione di ogni Farmacista non sono evidenziabili, se non riscontrando tempestivamente (entro 5 giorni dalla ricezione) la lettera di Invito ad adempiere, inviata quotidianamente a quanti vengono segnalati come inadempienti nella DGC, e producendo la documentazione che attesti l'avvenuto assolvimento dell'obbligo ovvero la sussistenza della certificazione di esenzione del MMG , senza indulgere in inutili e sterili polemiche o personalistiche esternazioni sulla capacità di accertamento del proprio Ordine professionale.

Il momento è senza dubbio più che serio, non è, la nostra, la sede per discutere equità o ragionevolezza della Norma, ma siamo tenuti ad osservarla.

Cordiali saluti

Il Presidente
Dr. Ferdinando Maria de Francesco