Orario di apertura sede: Lun e Mar 9:00-14:00 Mer, Gio e Ven 9:00-14:00 e 15:30-18:30 Sab 9:00-13:00
Notizie dall'Ordine

10/05/2018 - Cumulo e casse professionali

Gentile Collega si invia la circolare diramata dall'ENPAF sulle recenti novità per l'accesso all'istituto del cumulo pensionistico. Considerata l'elevata policromia dei casi di applicabilità o meno, abbiamo già provveduto a richiedere alla presidenza nazionale dell'Ente un specifica di più facile fruizione che auspichiamo sia inviata nei prossimi giorni in modo che tutti gli interessati possano più agevolmente considerare la propria posizione e le possibilità che ad essi si aprono con questa novità prevista nel sistema previdenziale. Resta ferma, ovviamente, anche l'attività di consulenza sul tema che la collega Pellecchia svolge, per appuntamento, nella sede dell'Ordine. Appare opportuno anche in questa occasione ribadire lo sforzo continuo che questo Ordine ha sempre profuso nel rappresentare le gravi problematiche che tutte le componenti della professione affrontano proprio sul versante previdenziale. Ieri come oggi, continuiamo a chiedere con forza che nelle attività regolamentari si tenessero in adeguata evidenza tutte le situazioni emerse per una mutata tipologia applicativa dell'esercizio della professione farmaceutica. Situazioni queste estremamente sensibili ed impattanti sulla quotidianità di ciascun Collega e che vanno dalla dilagante disoccupazione involontaria alla occupazione precaria - in un mondo del lavoro sempre più "flessibile"- ed anche alla necessità di garantire un adeguato trattamento a quanti, dopo un'intera vita lavorativa, si ritrovano con reali problemi di sussistenza a voler considerare solo la previdenza dell'ENPAF. Il lavoro è senza dubbio lungo e tortuoso soprattutto in un Paese a diverse velocità dove le esigenze che da tempo abbiamo rappresentato sembravano essere legate solo ad una condizione geografica: oggi pare che, e comunque non c'è motivo di gioirne, questa condizione geografica di disagio si estende sempre più a gran parte del territorio nazionale ed in tale ottica stiamo recuperando maggiore attenzione sulle riflessioni che vanno fatte ed alle conseguenze tangibili che da queste devono scaturire. Il nostro impegno continuerà ad essere massimo, conservando la massima attenzione a tutte le problematiche che ciascun collega oggi è costretto a vivere sempre più spesso suo malgrado. Tuttavia ci arrivano notizie anche di iniziative di movimenti nati tra esponenti di diverse professioni che, vivendo analoghi disagi, chiedono rapidità di interventi ai rispettivi enti previdenziali. Come è consuetudine di questo Consiglio che, pur mantenendo la rappresentatività istituzionale della professione, ha sempre favorito lo sviluppo di iniziative spontanee e la libera circolazione di idee, alleghiamo alla presente anche una nota recapitataci proprio da uno di questi comitati. Con l'auspicio che i problemi e le criticità diventino presto un triste ricordo lasciando meritato spazio ad una realtà che tenga sempre presente l'evoluzione dei tempi, ti invio cordiali saluti. Il Presidente Dr. Ferdinando Maria de Francesco